Aggiornamento coordinatore sicurezza: come iscriversi al corso online

Aggiornamento coordinatore sicurezza: come iscriversi al corso online

La sicurezza sul lavoro è uno degli argomenti più importanti in qualunque contesto ed è disciplinata da un’apposita normativa. La legge, tra l’altro, non solo impone requisiti rigorosi per i corsi di formazione in materia di sicurezza, ma prevede che il personale sia adeguatamente aggiornato.

Ecco perché l’aggiornamento coordinatore di sicurezza è un corso assolutamente necessario che permette di ricevere i crediti formativi, ma che può essere frequentato anche in modalità a distanza. I corsi online, infatti, offrono la possibilità di bilanciare gli impegni quotidiani e lavorativi con lo studio e rendono possibile accedere ai contenuti didattici in ogni momento.

Il corso di aggiornamento coordinatore sicurezza

Questo corso di aggiornamento ha una durata di 40 ore e viene svolto esclusivamente online. L’accesso, grazie ad una speciale ed innovativa piattaforma e-learning è accessibile 24h/24 e 7gg./7. Questa possibilità rende il corso di aggiornamento accessibile a tutti. Infatti, sono disponibili video lezioni da poter vedere in qualunque momento, entro 180 giorni dall’iscrizione.

Alla fine del percorso di aggiornamento, è necessario sostenere un test online a risposta multipla. In caso di errore, comunque, è possibile ripetere la prova gratuitamente. Una volta superata, si otterrà l’attestato che sarà inviato tramite e-mail entro 3 giorni lavorativi o che potrà essere scaricato dall’area download del proprio profilo utente.

L’attestato costituisce una Certificazione Professionale valida e riconosciuta su tutto il territorio nazionale . Ogni attestato è dotato di un “Codice Univoco di Autenticità” e di un “QR Code” per facilitare il riconoscimento dagli organi competenti.

Un punto di forza del corso di aggiornamento coordinatore sicurezza è la presenza di un tutor, sempre disponibile, per aiutare sia nella comprensione di alcuni argomenti, sia per esigenze pratiche.

Il corso è riconosciuto da CNI, CNAPPC, CNG, CNPI e permette di ricevere crediti utili per l’aggiornamento professionale per Ingegneri, Architetti, Geometri e Periti Industriali. I CPF saranno registrati in automatico dopo il rilascio dell’attestato finale.

Inoltre, il corso di aggiornamento è stato progettato per rispondere ai requisiti del D.P.R. n. 137/2012 e del Regolamento per l’Aggiornamento e Sviluppo Professionale Continuo.

Come iscriversi al corso aggiornamento coordinatore sicurezza

Iscriversi al corso di aggiornamento per coordinatore per la sicurezza di 40 ore è molto semplice. Dopo aver effettuato il pagamento, tramite bonifico bancario, PayPal o carta di credito, si riceverà un’email con i dati per accedere ai corsi. I tempi di attivazione della propria area utente sono di 1 giorno lavorativo dalla conferma del pagamento se si paga con bonifico, mentre se si effettua il pagamento tramite carta di credito o PayPal, l’attivazione è immediata.

Si può effettuare l’iscrizione in ogni momento perché la piattaforma è attiva 24hsu24h e 7 giorni su 7.

Gli argomenti del corso di aggiornamento coordinatore sicurezza

Il corso di aggiornamento formatori sicurezza è articolato in 8 moduli, ognuno dedicato a una tematica specifica.

Si inizia con il Modulo 1 in cui si analizzano i ruoli, le funzioni e le responsabilità di coloro che si occupano della sicurezza nei cantieri per procedere ad analizzare altre figura che operano in diversi ambiti ed arrivare ad analizzare i decreti e le normative vigenti.

Il modulo 2, invece, si focalizza sul fascicolo tecnico e la determinazione dei costi PSC e DUVRI e si prosegue con il modulo in cui si effettua una valutazione dei rischi connessi alle varie attività lavorative. Il modulo 4 è dedicato ai lavori in quota, ovvero quelli che vengono svolti su piattaforme di lavoro elevabili, ponteggi di vario genere e funi.

Inoltre, nei moduli successivi si analizzano anche i rischi e le modalità di lavoro in sicurezza in caso di gallerie, i rischi connessi agli ambienti confinati e alla bonifica di materiali pericolosi come l’amianto. I moduli conclusivi permettono di analizzare con precisione la normativa di riferimento e casi particolari collegati al rischio elettrico.

Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *