Quanto è alto un avatar

Quanto è alto un avatar

Il termine Avatar è oggi molto utilizzato nelle comunità virtuali o giochi on-line e rappresenta in sostanza un’immagine scelta per rappresentare noi stessi all’interno di diversi luoghi di aggregazione o discussione sul web. L’avatar rappresenta un po’ il nostro alter-ego in forum o giochi di ruolo soprattutto nel  mondo fantasy e può rappresentare un personaggio di fantasia o uno della realtà ma anche tanto altro: tutto dipende dalla percezione con ognuno ha di sé.

Quanto è alto un avatar

In realtà il termine Avatar ha origini molto più antiche. La parola in lingua sanscrita significa “incarnazione”, “apparizione” o “manifestazione” ma anche “discesa” riferito a una divinità dal cielo sulla terra.

L’avatar risulta essere un concetto molto importante per la comunità induista, soprattutto nel culo del dio Vishnu. L’avatāra è intesa come la forma fisica assunta dal dio e dal punto di vista teologico è inteso come la Persona suprema discesa sulla terra per restaurare l’ordine cosmico (il Dharma). Una volta che la sua missione è stata assolta, l’avatar viene assorbito nuovamente da Vishnu. La cosa interessante è che le forme fisiche in cui il dio può manifestarsi sono differenti perché diverse sono le circostanze che richiedono il suo intervento. Attualmente gli avatar di Vishnu sono 10 e tra questi il più venerato e anche il più noto è il dio Krishna, tradizionalmente raffigurato con forma umana e la pelle azzurra. Per quanto riguarda invece gli altri nove avatar, stiamo parlando di Matsya (pesce), Kurma (tartaruga), Varaha (cinghiale), Narasimha (nano), Parashurama (Rana), Rama, Buddha e Kalkin.

Certamente quando sentiamo pronunciare la parola Avatar, il nostro primo pensiero non va al dio induista ma piuttosto ci viene in mente il famoso film Americano del 2009. Nel film l’ex marine Jake Sully che ha perso l’uso delle gambe dopo un combattimento, coglie l’opportunità per riprendere il pieno controllo del suo corpo e acconsente a sbarcare su Pandora, un pianeta dove gli umani sono costretti a trasformarsi in Avatar se vogliono sopravvivere alle condizioni atmosferiche.

Se ci pensiamo bene ci rendiamo conto che proprio come l’avatāra di Vishnu, anche gli avatar di James Cameron nel suo noto film hanno la pelle azzurra. Coincidenze? Se riflettiamo così come Vishnu sceglie di incarnarsi sulla terra per ristabilire il bene e la giustizia, così Jake Sully, raggiunge il mondo di Pandora abitato dal popolo dalla pelle azzurra (i Na’Vi) e finisce per unirsi a loro per difendere il pianeta. Non solo, Pandora è un mondo primordiale fatto di foreste pluviali dove gli umani non possono respirare l’aria presente e sono pertanto costretti a indossare delle maschere filtranti per raggiungere il pianeta. Sempre nel film, per poter permettere ai terrestri come Sully di potersi mimetizzare all’interno della popolazione dei Na’Vi, gli studiosi hanno creato appunto degli avatar, cioè dei corpi geneticamente modificati; degli ibridi a metà tra Na’Vi e gli umani, totalmente privi di coscienza. Proprio come il dio induista, l’umano può prendere controllo del corpo dell’avatar riuscendo a controllarlo proprio come fosse il suo. Gli avatar così come il popolo dei Na’Vi, oltre alla pelle azzurra, differiscono dagli umani anche per la loro altezza fuori dal comune. Se vi state chiedendo quanto è alto un Avatar, la risposta è che sono creature di 3 metri dall’aspetto umanoide.

Foto Visual Effects

Gabriella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.